L’Autostima in Rosa

La Dott.ssa Vincenza Cetrangolo, ci propone un articolo molto interessante sull’autostima legato al mondo femminile affrontando e suggerendo anche quegli aspetti psicologici che aiutano a migliorarla. Tempo medio di lettura: circa 4 minuti

Oggigiorno si sente tanto parlare di autostima, in ogni ambito. Vediamo più nel dettaglio cosa è, e perché è così importante nella nostra vita.

Per autostima si intende la valutazione che l’individuo ha di sé, che condiziona fortemente sia i suoi comportamenti che il modo di leggere gli eventi che accadono.

Risultati immagini per autostimaLe radici di una buona autostima si formano dai primi mesi di vita anche in base al tipo di attaccamento che si crea con le figure di accudimento, all’immagine di noi che ci viene rimandata dagli altri e a come elaboriamo i nostri successi o insuccessi nei diversi momenti di vita.

Il modo in cui ci rapportiamo con noi stessi determina in larga misura anche come ci relazioniamo con gli altri, per cui avere una buona autostima vuol dire anche saper stare bene nelle relazioni, elemento fondamentale fin dai primi momenti della nostra vita. In altre parole, una buona autostima ci dà la possibilità di riconoscere sia le nostre capacità individuali e soggettive, che il nostro modo di essere in reciprocità con gli altri.

In questo breve articolo, voglio dedicarmi all’autostima in “rosa”, di tutte le belle donne che si trovano a scontrarsi con i luoghi comuni, quale, ad esempio: “donna al volante pericolo costante”. Questo detto, radicato nell’immaginario collettivo da tempo immemore, vede il popolo femminile destreggiarsi con maggiore difficoltà fra parcheggi e manovre che richiedono un elevato grado di precisione.

Quanta verità c’è in questo modo di dire? Sembrerebbe poca e a dircelo è una indagine condotta dall’agenzia dei trasporti britannica che dimostra come le donne avrebbero effettivamente bisogno di più ore di addestramento rispetto agli uomini per ottenere la patente di guida e impiegherebbero anche più tempo in media nel portare a termine un parcheggio ma, in compenso, siano meno inclini a sfidare i limiti di velocità e di sicurezza.

Anche le ultime statistiche commissionate dalle agenzie di assicurazioni italiane dimostrano infatti che le donne causano il 15% di incidenti stradali in meno rispetto agli uomini… per cui bisognerebbe trovare un nuovo motto per noi donne: “donna al volante attenzione costante”!

La donna deve spesso confrontarsi con questi stereotipi tramandati sia a livello culturale che attraverso i mass media i quali propongono un’immagine di donna perfetta e sempre “fisicamente” soddisfacente che riesce a dedicarsi in maniera ottimale sia alla famiglia che al lavoro e alla carriera. Insomma ci troviamo in una continua lotta contro luoghi comuni che sono radicati nella società e da cui è difficile uscirne. C’è un continuo divario tra il modo in cui in cui la donna si percepisce e il modo in cui desidera essere, tra un sé reale e un sé ideale.

Sebbene attualmente il mondo femminile riesca maggiormente ad orientarsi sui propri obiettivi, ancora molte donne non hanno una vita soddisfacente anche a causa di una bassa autostima che le porta a pensare di avere sempre qualcosa da migliorare, vivono sensazioni di inferiorità nelle relazioni interpersonali e sviluppano una forma di insicurezza nella socialità.

Risultati immagini per autostimaCome far fronte a tutto ciò? Ci sono innumerevoli tecniche psicologiche che possono aiutare ad aumentare i livelli di autostima, ma il pensiero di fondo è uno: impariamo ad accettare noi stesse, spogliamoci di tutti gli stereotipi che ci sono stati inculcati e smettiamola di lottare per avvicinarci a degli standard che non sono nostri. Noi donne possiamo essere anche fragili, abbiamo dei limiti, ma dobbiamo accettarli con la consapevolezza che dietro ad ognuno di essi, ci sono tante risorse che possiamo valorizzare per scoprire a tutto tondo quello che siamo e cosa vogliamo.

Noi donne siamo naturalmente predisposte per fare cose stupende e dalla forza immane, come la procreazione, ma a volte ci dimentichiamo di tale bellezza che è insita nella nostra natura e ci concentriamo solo sulle nostre fragilità.

Donne, raccogliamo con un bel sorriso tutte le nostre risorse e i nostri punti di forza, mettiamo il tutto in una grande valigia e via … in viaggio ad esplorare e a scoprirci con nuovi modi di essere. Ovviamente le nostre “esplorazioni” possono riuscire bene se fatte da sole, ma se abbiamo difficoltà, attenzione a non pensare che chiedere un aiuto sia una forma di debolezza… perché anche per fare questo ci vuole a volte un gran bel coraggio!

 

 

Per conoscere meglio Vincenza Cetrangolo, visita la sua Pagina Autore

HR Social Magazine è sempre alla ricerca di nuovi articolisti. Se anche tu vuoi far parte di questa rubrica o desideri inviarci un tuo scritto su un particolare argomento, scrivici a info@hrsocialmagazine.it, riceverai quanto prima tutte le informazioni utili per entrare a far parte del nostro Team.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *