Il Libro del Mese: I quattro accordi

Mariacristina Meschiari ci suggerisce come libro del mese, “I quattro accordi” uno scritto di Don Miguel Ruiz che “svela i quattro principi fondamentali, o accordi, che fanno di una persona, una guerriera di pace”. Tempo medio di lettura: circa 4 minuti

“Anche al centro dell’inferno, sperimenterete pace interiore e felicità. Starete nella vostra beatitudine e l’inferno non potrà toccarvi.” (Don M. Ruiz)

Risultati immagini per Don Miguel RuizDon Miguel Ruiz nasce in Messico, dove ritornerà dopo aver completato gli studi di medicina per riscoprire gli antichi insegnamenti ricevuti nella sua infanzia dalla madre, una nota curandera, e dal nonno, un nagual tolteco. I suoi studi lo porteranno ad unire le moderne conoscenze con l’antica saggezza, allo scopo di guidare le persone al di là della paura e delle credenze che limitano amore e libertà.

In questo libro svela i quattro principi fondamentali, o accordi, che fanno di una persona “una guerriera di pace”, come amo definirla. Una guerriera che lotta contro sé stessa per ottenere la libertà e quindi il paradiso in terra.

Questi temi ci sono stati e vengono tutt’ora mostrati come arcane ed antiche saggezze eretiche, essendo proiettate all’interno e non all’esterno, ma leggendole, nella loro semplicità, e mettendole in pratica, si ottiene sicuramente un miglioramento sensibile della propria qualità di vita.

Don Ruiz fa un’analisi molto approfondita della società e del modo in cui le persone vengono “addomesticate” fin dalla nascita a vivere secondo il punto di vista del luogo in cui vengono alla luce; per questo motivo si fanno un’idea della “perfezione” da raggiungere per essere “brave” agli occhi della società, per essere accettate ed inserite adeguatamente.

Questo, a suo parere, provoca nell’essere umano una profonda paura di mostrare quello che in realtà sente di essere veramente, paura dell’emarginazione e dell’isolamento. Inoltre crea un disagio incolmabile, in quanto ad un certo punto ci si rende conto del netto contrasto tra ciò che si sente di essere e ciò che si è veramente, una sensazione ben lontana dalla perfezione che tutti pretendono da noi. Per questo si cerca di nascondersi, fingendo di essere ciò che non si è in realtà.

Naturalmente questa insoddisfazione personale porta ad essere giudici severi nei confronti degli altri, dai quali si pretendono gli stessi sacrifici fatti in precedenza da noi stessi. Ci disonoriamo per compiacere gli altri. Vorremmo essere diversi da ciò che gli altri si aspettano da noi e per questo ci puniamo in vari modi, facendoci del male e lasciando che gli altri ne facciano a noi.

Arriviamo anche a trasformare il nostro corpo, per compiacere, oppure ci droghiamo o ci alcolizziamo: in tutta la vita nessuno ci fa più male di quanto ce ne facciamo noi.

Ora, per quanto brutali possano sembrare queste parole, dobbiamo accettare il fatto che nella maggioranza dei casi riusciamo a vivere bene solo quando ci sentiamo accettati. Agiamo come gli altri si aspettano da noi, anche se va contro la nostra volontà, ma questo ci sembra meno grave che subire critiche; con il tempo però questo atteggiamento può portare a fobie, attacchi di panico, svalutazione di sé stessi o altre sofferenze interiori. Dietro ogni disagio o malattia si cela una grossa menzogna che non si sa più come nascondere o che non si ha il coraggio di affrontare, ma questo è un mio modesto parere.

In ogni modo non esiste problema senza soluzione e Don Miguel Ruiz ci indica una delle tante strade da percorrere per far valere la nostra vera natura, attraverso i Quattro Accordi, appunto. Sono tutti molto semplici da capire, tanto quanto sono molto difficili da applicare.

Il primo è: Sii impeccabile con la parola.

Risultati immagini per don miguel ruiz i quattro accordiNon significa che dobbiamo essere gentili e cortesi, ma significa che non dobbiamo peccare contro noi stessi. Troppo spesso dimentichiamo il potere della parola, del “Verbo”. La parola ha un potere immenso. Dire una parola è come piantare un seme, e quel seme germoglierà e crescerà nella mente e nel cuore di chi la ha ascoltata, e la sua vita cambierà per sempre, che lo voglia oppure no.

Un esempio: vedo un amico e gli comunico un’opinione che mi è appena passata per la mente: “Hmmm… Hai un colorito che ho visto spesso in persone che poi si sono ammalate di cancro…”

Se lui ascolta le mie parole, ed è d’accordo con me, gli verrà un cancro in meno di un anno.” – ( Don M. Ruiz)

Al contrario se faremo complimenti oppure incoraggeremo una persona, quella acquisterà fiducia in sé stessa e non potrà fare altro che migliorare sempre di più.

Questo è il potere della parola, ed usata in maniera scorretta, per ferire oppure offendere, ci si rivolterà contro, perché useremo quelle stesse parole per noi stessi quando ci capiterà di trovarci in quelle condizioni, ed allora peccheremo verso la nostra persona. Se inveiamo contro una persona, quella ci odierà e quell’odio non ci farà di certo bene, seppure volessimo ignorarlo.

“Quindi, se mi abbandono all’ira e con le mie parole invio veleno emozionale verso altre persone, sto usando la mia parola verso di me”. (Don M. Ruiz)

Il secondo accordo è: Non prendere nulla in modo personale.

Ricordiamoci sempre che ciò che ci viene detto, nel bene o nel male, rappresenta ciò che è la persona che ci sta parlando. Se veniamo offesi, non siamo noi che abbiamo difetti, ma chi sta riversando su di noi le proprie frustrazioni. Allo stesso modo se ci viene detto che siamo belli, in realtà è bello chi ci sta parlando. Noi sappiamo cosa siamo, non abbiamo bisogno che gli altri ce lo dicano!

Terzo accordo: Non fare supposizioni.

Cercare sempre la verità. Non siamo nella testa degli altri, e tormentarci con dubbi oppure supposizioni, appunto, non fa altro che renderci insicuri e nervosi. Chiedere sempre quando si ha un dubbio oppure una domanda.

Quarto ed ultimo accordo: Fare sempre del proprio meglio.

Amarsi, perdonarsi ed accettarsi. Quando si va a letto domandarsi sempre: ho fatto del mio meglio oggi? Se la risposta è no, allora la mattina seguente ci alzeremo con il proposito di agire, di fare di nuovo i quattro accordi e di essere “Guerrieri di pace”.

A mio parere è un ottimo sistema per migliorare la propria vita e, soprattutto, la propria libertà.

 

Per conoscere meglio Mariacristina Meschiari, visita la sua Pagina Autore

HR Social Magazine è sempre alla ricerca di nuovi articolisti. Se anche tu vuoi far parte di questa rubrica o desideri inviarci un tuo scritto su un particolare argomento, scrivici a info@hrsocialmagazine.it, riceverai quanto prima tutte le informazioni utili per entrare a far parte del nostro Team.

Un pensiero riguardo “Il Libro del Mese: I quattro accordi

  • giugno 28, 2017 in 10:42 am
    Permalink

    Davvero molto interessante, penso che comprerò il libro!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *