Student of…Bologna

La Dott.ssa Ginevra Cevenini, ci parla della facoltà di Psicologia Cognitiva Applicata di Bologna. Tempo di lettura: circa 4 minuti.

Il giorno in cui ho dovuto scegliere quale corso di Laurea Magistrale intraprendere, in seguito alla Laurea Triennale in Scienze del Comportamento e delle Relazioni Sociali, conseguita presso la sede di Cesena, mi sono trovata di fronte ad un enorme bivio: ben quattro diversi corsi che si sarebbero svolti anch’essi in Romagna e un solo corso nella mia madrepatria Bologna.

Scegliere tra l’indipendenza acquisita da tre anni nella mia disastrata casetta in affitto, riscaldata più dall’amicizia con tre fantastiche coinquiline che dai termosifoni, e la movida bolognese, mai davvero vissuta in qualità di universitaria, non è stato facile. Un po’ come scegliere tra piadine con fiumi di squacquerone e lasagne con fiumi di besciamella. Tuttavia, dopo aver fatto una abbuffata di crescioni al mio chiosco di fiducia, per compensare futura mancanza, ho scelto di iscrivermi alla magistrale di Psicologia Cognitiva Applicata.

Non conoscevo nessun ragazzo più grande di me che potesse darmi delle dritte e, perciò, mi sono dovuta fidare ciecamente delle informazioni ricevute alla giornata di orientamento e delle mie preferenze per alcune delle materie.

Sono passati più di due anni ormai e dopo aver conseguito nel luglio 2016 la laurea, “quella vera”, non posso dire altro se non di aver fatto la scelta giusta. Un articolo è superfluo per descrivere le meraviglie che la Nonna delle Università ha da offrire, ma ci provo.

Innanzitutto le strutture, se pur un po’ scomode all’interno, sono caratterizzate da un fascino impagabile, ogni angolo è davvero un pezzetto di storia e le pause pranzo in primavera nel grande giardino di Via Filippo Re riescono a dare la carica anche nelle giornate più intense. Il clima che si respira, poi, è sempre quello sereno e allegro delle feste in strada, non è raro imbattersi, nei diversi angoli, in giovani musicisti o artisti e, in generale, i “regaz sono tutti molto polleg”, tanto per darvi già un’idea dello slang!

Per quanto riguarda gli affitti purtroppo i prezzi sono un po’ elevati (mediamente 400 euro per una singola e 250 per una doppia) ma muovendosi per tempo e spulciando tra i numerosissimi annunci sicuramente si può trovare qualcosa di interessante e di centrale. In ogni caso la città è ben collegata dai mezzi di trasporto, fisiologici ritardi italianissimi a parte, e nelle giornate di sabato e domenica il centro storico nella sua zona “T” (quella virtualmente disegnata dall’intreccio tra via Ugo Bassi e via Indipendenza) viene resa interamente pedonale per permettere uno shopping più rilassato.

Risultati immagini per bologna facolta di psicologia cognitiva applicataTornando al mio corso di laurea: si accede tramite test d’ammissione, i professori in questa occasione sono parecchio esigenti e bisogna conoscere molto bene il materiale per superare la prova scritta (a crocette) e il successivo orale. Una volta entrati, però, la strutturazione degli esami garantisce la possibilità di dare parziali per alcune materie, scegliere dei corsi elettivi e programmare alcuni esami direttamente con il professore in orario di ricevimento. Il carico di studio è abbastanza cospicuo ma le materie sono interessanti, i professori competenti e il sito internet di facile navigazione. Inoltre, nel corso del primo anno sono previsti laboratori specialistici su alcune tematiche, tra cui la stesura del progetto di intervento, fondamentale per il temutissimo esame di stato.

Per queste ragioni, nonostante ottenere tutti i CFU non sia affatto una passeggiata, l’organizzazione permette alla maggior parte degli studenti di completare il percorso di studi nei due anni previsti. Personalmente, sono riuscita anche a portare avanti in parallelo alcuni lavori occasionali in qualità di hostess ad eventi ed in fiera (la quale ospita importanti manifestazioni come Motorshow e Cosmoprof). Inoltre, nel periodo dedicato alla sola stesura della tesi ho lavorato full-time in gelateria.

Infine, ci sono diverse possibilità di svolgere programmi di studio all’estero all’interno dei progetti Erasmus e Overseas. A tal proposito l’associazione studentesca ESN organizza diversi eventi, al fine di permettere l’accoglienza e l’inclusione di tutti i giovani europei e non.

Risultati immagini per bolognaDurante questi anni ho imparato tantissimo e ho conosciuto amici e amiche favolose con cui uscire la sera a godermi i tantissimi locali di Via Zamboni e Via Petroni, o la zona del Mercato di Mezzo per i più fighetti. In generale, la vita notturna è il vero punto di forza della vita universitaria bolognese, soprattutto per i fuori sede che, al contrario di me, non hanno avuto i genitori sull’attenti anche a notte fonda.

Il rovescio della medaglia è sicuramente la diminuzione dei livelli di sicurezza che si è verificata in questi ultimi anni, con alcune zone lasciate abbastanza allo sbando. In particolare, la zona di Piazza Verdi e dintorni va frequentata con un occhio vigile in più e magari in compagnia.

Devo dire che già adesso la vita universitaria mi manca molto e consiglierei sicuramente ai miei giovani colleghi di venire a studiare qui.

… Unica vera dritta ??? OCCHIO ALLA BICI!

 

Per conoscere meglio Ginevra Cevenini, visita la sua Pagina Autore

HR Social Magazine è sempre alla ricerca di nuovi articolisti. Se anche tu vuoi far parte di questa rubrica o desideri inviarci un tuo scritto su un particolare argomento, scrivici a info@hrsocialmagazine.it, riceverai quanto prima tutte le informazioni utili per entrare a far parte del nostro Tea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *